Un on the road sporco, desolato e senza meta. Cielo di sabbia prende tre adolescenti, li immerge in una tempesta di sabbia, li carica su un’auto e li spinge dentro il mondo degli adulti senza preamboli e inutili giri di parole. Si legge tutto d’un fiato, sa di Kerouac e rimanda a personaggi memorabili del vagabondaggio americano come Box Car Bertha.

Cielo di sabbia
Joe R. Lansdale
Einaudi
234 pagine 

 

 

Non le gambe, non le ruote, non i binari. Il mezzo di trasporto scelto da Roger Deakin in questo romanzo pubblicato postumo in Italia è l’acqua, che lo scrittore inglese sceglie come punto di osservazione per (ri)scoprire la Gran Bretagna. Un viaggio ‘liquido’ alla scoperta dei fiumi, dei laghi e dei mari del Devon, del Galles e non solo.

Diario d’acqua
Roger Deakins
EDT
408 pagine 

 

 

Prima pubblicazione di una serie edita da Silvana Editoriale, questa guida atipica vuole essere il tentativo di raccontare una regione (in questo caso l’Italia centrale) attraverso le narrazioni di personaggi più o meno celebri. Da Dickens a Henry James, per comporre un ritratto atemporale di Bologna, Firenze, Roma e non solo.

Guida del turista viaggiatore
 Attilio Brilli
Silvana Editoriale
212 pagine 

 

 

Più che guida atipica, questa edita da Feltrinelli è un’antiguida, perchè si prefigge l’obiettivo non di guidare ma di far perdere il lettore, citando Ulisse e Cristoforo Colombo, illustri persi per il pianeta che, senza il loro vagabondare senza meta (o con una meta mal calcolata) non avrebbero scoperto altri mondi. Divisa in tre parti, spiega metodologie del perdersi, del ritrovarsi e invita caldamente alla filosofia del qui e ora.

Perdersi m’è dolce…
Passig & Scholz
Feltrinelli
224 pagine 

 

 

La foto in alto e in homepage è di Simon Cocks ed è stata scattata a Santorini, in Grecia.