Sull’isola di Lanzarote ci sono 36 vulcani che hanno eruttato per diversi anni, ininterrottamente, intorno al 1730. Quel che resta di quella furia lavica è un paesaggio a metà tra il magico e il lunare. L’isola è piuttosto piccola, misura circa 50 km in lunghezza e 30 in larghezza, ciò significa che si può ampiamente percorrere in lungo e in largo, che non esiste un posto lontano, nemmeno se state alle estremità più remote.

A Lanzarote potete trovare di tutto: il turismo di massa, i grandi alberghi formato alveare, le piscine in riva all’oceano con i cocktail e i loro ombrellini di carta; potete trovare spiagge deserte incastrate tra l’oceano e una colata lavica. Potete far fatica a trovare un parcheggio la sera sul lungomare di Puerto del Carmen, oppure potere guidare senza incrociare un auto per kilometri e kilometri.

In poco spazio potete trovare di tutto. L’isola è piccola e si può vedere tutto quello che di meraviglioso c’è da vedere anche in pochi giorni. Ci si può imbattere nei pullman dei viaggi organizzati ma lo spettacolo naturale è talmente travolgente che nessuna coda alle biglietterie vi dovrebbe scoraggiare. Il nostro consiglio è di farle tutte, le tappe obbligate;  fatele ma non fermatevi a quelle. Lasciatevi portare sul bus che vi farà visitare l’interno del parco di Timanfaya senza farvi scendere nemmeno un minuto, ma poi andate al centro di documentazione qualche kilometro più avanti, esplorate le strade che portano verso il mare nei dintori del Jardin de Cactus o di Famara. Visitate il Mirador del Rio, ma fermatevi sulla strada a guardare il parco eolico con le sue pale giganti.

Andate a Playa Blanca e pagate i 3 euro che vi chiederanno per raggiungere il parcheggio nei pressi di Papagayo, poi però una volta lasciata l’auto, camminate a piedi su e giù per la scogliera, non lasciatevi intimidire dalle pendenza e dai sentieri sabbiosi. Se non siete mai stati nel centro di un cratere, andate alla fortezza di Santa Barbara e dopo aver visitato il museo della pirateria scendete a piedi nella bocca del vulcano.

Lanzarote è un’isola che vi racconterà molto di sè, ma che vale la pena di scoprire pezzo per pezzo, strada per strada. L’unica cosa che rimane inspiegabile è come si possa vivere in un posto così e decidere di prendere casa ad Arrecife!

Lanzarote si raggiunge in aereo comodamente, sia con voli diretti sia facendo scalo in altri aeroporti. Dall’Inghilterra ad esempio partono poco meno di 500 voli all’anno. La vita ha un costo abbastanza contenuto, si riesce tranquillamente a mangiare spendendo meno di 20 euro. Se siete vegetariani l’unica scelta davvero consigliata è il Blooming Cactus di Puerto del Carmen. La scelta di sistemazioni per la notte è molto varia: dal resort di lusso all’appartamento da mare si trova di tutto per tutte le tasche. A nostro parere l’interno e le località meno squisitamente turistiche regalano le sorprese migliori. La temperatura è mite e pressochè costante durante tutto l’anno. Se avete voglia di surf, bicicletta e parapendio, questo è il vostro posto.

Tutte le foto di questo articolo sono di christian