A volte non è davvero necessario percorrere migliaia di kilometri per imbattersi in qualcosa di unico. A volte basta prendere una statale, districarsi tra le curve, le motociclette, i cantieri e fermarsi dalla parti di Ossuccio. Siamo sul Lago di Como, versante occidentale. Un cartello, proprio nei pressi di un campanile gotico, indica la direzione per l’imbarcadero. Si scendono aluni gradini e ci si trova ai piedi della chiesa romanica di S.Maria Maddalena, entrando nel complesso dell’Antiquarium è possibile acquistare il biglietto per accedere al Parco dell’isola (6 euro) e da lì vi chiameranno il taxi (5 euro A/R) per attraversare lo specchio d’acqua che vi divide dall’Isola Comacina. Pochi minuti sulla piccola barca e vi ritroverete immersi in una atmosfera particolare. Si arriva sul Viale del Poeta e proseguendo lungo la strada che costeggia l’isola proprio di fronte alla costa si arriva al complesso che racchiude la Chiesa di S.Giovanni Battista, la Basilica di Sant’Eufemia e l’Aula Battesimale Biabsidata. Si va dal V secolo al 1169, in una stratificazione unica nel suo genere. Percorrendo il sentiero archeologico ch corre sul crinale dell’isola ci si imbatte in altri due resti di chiese: Santa Maria col Portico e S.Pietro in Castello. Percorrendo invece la strada sul versante sud si trovano le 3 case per artisti progettate da Pietro Lingeri nel 1937 e recentemente restaurate. Le 3 abitazioni studiate con soluzioni che coniugano la tradizione con il razionalismo italiano sono piccoli gioielli di architettura che rendono l’isola un vero e proprio museo a cielo aperto, la sintesi perfetta tra arte medievale e contemporanea. Quasi a ridosso dell’imbarcadero si trova il complesso dei SS. Faustino e Giovita. Tra le tante presenze in cui ci si può imbattere, se si è fortunati oltre a oche e germani è possibile ammirare il volo maestoso di qualche trampoliere.

Ossuccio si raggiunge facilmente in macchina costeggiando il lago lungo la SS 340 Regina in direzione Menaggio; oppure si può raggiungere Como in treno e da lì prendere l’autobus (Linea C10, direzione Colico) o il battello.

Se vi fermate a Como in questo periodo potete visitare la splendida mostra dedicata a “La Dinastia Brueghel” dal 24 marzo al 29 luglio 2012 allestita a Villa Olmo. Se poi volete mangiare qualcosa la sera, noi ci siamo fermati alla Locanda del Borgo, via Borgo Vico 34 – tel. 031 572423 cucina semplice ma di qualità, accoglienza squisita e prezzo onesto.