La Galizia non è Spagna. Lo sanno in Galizia e lo sanno anche in Spagna, ma sfugge spesso a turisti e viaggiatori. Per non parlare dei pellegrini. Ma se l’identità dei galleghi si esprime in una lingua propria, la loro letteratura è tra le meno tradotte del mondo. Vi veniamo in aiuto con un piccolo vademecum, il terzo dopo quelli dedicati a Islanda e Olanda.

 

 

  1. Poesie scelte – Rosalia de Castro
  2. Le lucertole hanno il colore dell’erba – Cristina Sànchez-Andrade
  3. Commedie barbare – Ramón Del Valle Inclán
  4. Il lapis del falegname – Manuel Rivas
  5. Uomo senza nome – Suso de Toro
  6. Le cantigas de amigo di Martin Codax e l’interpretazione del ritmo della monodia medievale – Giorgio Monari
  7. Come sedurre la cattolica sul Cammino di Compostela – Étienne Liebig
  8. Racconti galeghi – Danilo Manera
  9. Compostela e l’Europa
  10. I figli di Bakunin – Antón Riveiro Coello
  11. Cronache di un maestro di coro – Alvaro Cunqueiro

 

Libri letti, scelti e consigliati da Cornelius Arslanian. La foto in homepage è di Arianna.

  • pes

    Sicilia, di Maria Carrazoni. Un libro su un viaggio in Sicilia, scritto da una gallega. Edizioni Untitled.