Dopo febbraio arriva marzo e questo marzo porta con sé non solo i “soliti” 4 libri di viaggio scelti dalla redazione di NBM, ma anche uno speciale letterario dedicato all’Irlanda. Di Irlanda parleremo nei prossimi giorni, nel frattempo godetevi queste piccole vie di fuga, utili specialmente in questi momenti post-elettorali…

 

 

  • SARAJEVO: un libro per chi si vuole avvicinare alla città di Sarajevo e alla storia che la circonda, scritto da chi l’ha conosciuta, attraversata, sperimentata e amata. Le autrici non si affidano solo alle loro parole, ma anche a quelle di scrittori, fotografi, poeti, giornalisti e volontari con i piedi e il cuore dentro Sarajevo.
    Anna Scavuzzo
    Sarajevo
    Oltre Edizioni
    150pagine
  • IL RITMO DELL’ASINO: uno dei più antichi e popolari compagni di viaggio viene riscoperto e rivalutato dall’autrice di questo piccolo omaggio all’asino. Dolce e infaticabile, ha accompagnato viaggiatori di ogni estrazione e paese trasformandosi in uno dei pochi mezzi di trasporto a (quasi) impatto zero.
    Mélanie Delloye
    Il ritmo dell’asino: piccolo omaggio a ciuchi, vecchi somari e altri asinelli
    Ediciclo
    96 pagine
  • GUIDA PER SIGNORE IN BICICLETTA SULLA VIA DELLA SETA: come ci sia sfuggito, lo scorso giugno, questo libro non lo sappiamo. L’abbiamo scoperto solo ora e ce ne dispiaciamo, perché in una di quelle rare occasioni letterarie, qui le protagoniste del romanzo e del viaggio sono donne, che viaggiano tra presente e passato, con uguale curiosità e insaziabile voglia di scoprire il mondo e, in particolare, la via della seta…
    Suzanne Joinson
    Guida per signore in bibicletta sulla via della seta
    Elliot
    312 pagine
  • VIVA LA VIDA: per raccontare Ciudad Juàrez, una delle città più pericolose del Messico, Coconino sfodera una graphic novel i cui protagonisti sono due artisti che scendono per strada, ascoltano la gente e la raccontano in un diario di viaggio in bilico tra romanzo e reportage.
    Baudoin e Troubs
    Viva la vida
    Coconino Press
    124 pagine
  • Bu

    Ciao!
    A mio parere “Guida per signore in biclicletta sulla via della seta” è un titolo ammaliante per un libro, richiama piste sterrate e donne d’altri tempi …
    ma il libro non è entusiasmante e la ricerca storica limitata