È dai tempi di Gulio Verne che ci si appassiona ai viaggi sotterranei. Se tanto c’è da scoprire e da vedere intorno al mondo, forse ancor di più c’è da vedere “dentro” il mondo. Ora, senza spingerci fino in Islanda a cercare un varco per il centro della Terra – varco che potrebbe portarci all’incontro con creature preistoriche o mitologiche – possiamo soddisfare la nostra voglia di andare sottoterra con altri sistemi. Ma non parleremo di grotte, di discese speleologiche, nulla di naturale. Da qualche tempo, invece, è possibile immergersi in tutta sicurezza sotto la superficie delle città per avere una visione completamente diversa, è possibile visitare siti minerari ormai abbandonati ma che hanno ancora molto da dire, è possibile visitare intere costruzioni edificate nel sottosuolo, il più delle volte in segreto da tutto e da tutti.

Cominciamo il nostro giro dalla Polonia. Nei pressi di Cracovia si trova una Miniera di Sale, a Wieliczka, più precisamente. Si tratta di un sito molto grande, che offre la possibilità di visite tematiche, alcune più turistiche e alcune più “avventurose”. È presente una stazione termale, nonché un albergo e un ristorante. All’interno del sito sono stati inoltre ricavati spazi per attività, eventi e manifestazioni.

Passando in Germania, a Berlino è possibile addentrarsi in una vera e propria città sotto la città. Grazie a Berliner Unterwelten, vengono organizzate visite guidate alla scoperta di bunker della Seconda Guerra Mondiale, strutture della Metropolitana e della Guerra Fredda nonché alcuni resti di tentativi di passaggio dall’Est all’Ovest. Maggiori informazioni le potete trovare nel programma.

Sul sottosuolo di Parigi si è scritto moltissimo e si è raccontato moltissimo. Alcuni anni fa un piccolo libro raccontava di queste spedizioni che venivano fatte, clandestinamente, cercando di individuare i passaggi tra i vari boulevard. Come fosse una sorta di iniziazione, gruppi di giovani si infilavano in tombini cercando di spingersi sempre un po’ oltre. Ora è possibile scendere nel sottosuolo, senza necessariamente rischiare di venir investito da un’auto su Rue de Rivoli. Tutte le informazioni sulle Catacombe di Parigi le trovate qui. Se invece delle catacombe preferite andare alla ricerca delle “fermate fantasma” della metropolitana, potete consultare il sito di ADEMAS (solo in francese, purtroppo) per verificare dove e quando organizzano visite guidate.

Dalla capitale di Francia, alla Capitale, Roma. Chiunque sia stato a Roma, almeno una volta, si rende perfettamente conto che tutto quello che vede non è che la superficie di un mondo fatto di continue stratificazioni, che probabilmente sotto ogni singolo marciapiede si trovano pezzi di storia. Roma Sotterranea è un’associazione di speleologia urbana che si occupa tra le molte attività anche di organizzare visite ai siti archeologici nascosti della città. Le possibilità sono innumerevoli e ovviamente una più interessante dell’altra!

Se volete immergervi nelle profondità del sottosuolo napoletano, camminando tra le gallerie e i tunnel di epoca borbonica, non vi resta altro che visitare la Galleria Borbonica. Al suo interno potrete scegliere diversi tipi di percorso, scoprire tratti dell’antico acquedotto della Bolla, i rifugi della Seconda Guerra Mondiale e per i più avventurosi fare anche un giro in una cisterna tuttora parzialmente piena d’acqua.

Risalendo verso nord, facendo tappa a Bologna, è possibile addentrarsi anche tra i cunicoli sotterranei di questa città. Gli Amici delle Acque ormai da 15 anni organizzano visite all’interno dei meandri che passano sotto la città felsinea.

L’ultimo percorso che vogliamo segnalarvi è quello di Trieste. Un percorso di gallerie antiaeree chiamato “Kleine Berlin” che corre sotto la città e che grazie al Club Alpinistico Triestino è possibile visitare. La rete di cunicoli passa sotto la città e collega vari punti in modo che si potesse passare da un edificio all’altro senza uscire allo scoperto.

la foto in copertina è di Armando Mancini pubblicata su licenza CC