A volte dopo aver viaggiato a lungo si sente il bisogno di fermarsi. Dopo aver visto cose bellissime e panorami incredibili ci si rende conto che anche la propria terra può offrire tanto, se non di più. Viene la voglia di far conoscere quello che molti ignorano e che invece meriterebbe davvero di essere conosciuto. Ci sono persone che hanno deciso di investire in quest senso. Hanno deciso di tornare a casa e di investire anche in territori dove investire non è sempre facile. Le storie di Danilo e Carmen in Sicilia e di Daniele in Sardegna. Sono due storie che ci hanno colpito per la loro passione e per aver voluto credere nella propria terra. Nei B&B di Danilo e Carmen e in quello di Daniele noi non ci siamo stati, ma nel modo in cui ne hanno parlato abbiamo trovato quella passione che ci avrebbe fatto scegliere loro tra le tante offerte disponibili.

palermo

foto di tabbiska

Danilo e Carmen – B&B Stupor Mundi, Palermo.

Ci siamo conosciuti circa 5 anni fa nella splendida città di Lecce questa fantastica perla del Barocco essendo Carmen Salentina ed io in vacanza da alcuni amici. L’amore cresce durante tutta una vita insieme, ma per accendere una fiamma forse bastano solo pochi secondi o almeno questi sono bastati a noi. Invitai Carmen con un’amica, dopo il mio viaggio in Salento, a visitare la Sicilia che con le sue meravigliose attrattive naturali e storiche non poteva non affascinare da subito. Prima di arrivare a Palermo andammo a San Vito Lo Capo, Scopello, Riserva dello Zingaro, Noto, Riserva di Vendicari posti che ancora adesso portiamo nel cuore e che consigliamo ai nostri ospiti/amici con la voglia e speranza che anche a loro affascini quest’ isola posta al centro del Mediterraneo nota per la sua storia, mitologia, ma soprattutto per la calorosa ospitalità. Dopo un paio di settimane in giro Carmen ritornò a Lecce, ma in realtà il nostro viaggio insieme era solo all’inizio! Entrambi non abbiamo mai creduto nei rapporti a distanza e visto che eravamo rimasti legati da qualcosa di indescrivibile continuammo a sentirci, ma attraverso telefono e social networ non andava bene, così seguirono altri viaggi. Vivendo in un periodo storico come il nostro dove la precarietà è la parola più diffusa e lo stato di precario quello più familiare, e nonostante avessimo entrambi un diploma ci arrangiavamo con lavori occasionali, ma quello che ci premeva era l’iniziare una vita insieme, il nostro vero viaggio. Entrambi abbiamo sempre viaggiato, io in particolar modo dall’età di 8 anni con gli Scouts. Italia, Marocco, Russia, Europa, Israele, USA solo alcuni dei Paesi visitati, ma sono sempre stato convinto che la Sicilia è una delle isole più belle al mondo, dimostrato anche dal fatto che nel corso dei secoli tutti i popoli hanno voluto il controllo di questa terra, in primis per la posizione strategica, ma anche per il clima mite e per l’ottima qualità della terra. Arabi, Normanni, Greci, Romani, Bizantini, Aragonesi, Fenici hanno – ognuno di loro – lasciato un qualcosa nella terra di Medusa. Nonostante tante ricchezze la Sicilia non è mai riuscita a dare ai suoi figli la possibilità di vivere solo ed esclusivamente di turismo, la storia vede il popolo siculo infatti come un popolo di immigrati che a malincuore lasciano i propri affetti in cerca di un po’ di fortuna altrove. La nostra storia voleva essere diversa! Con tanta fortuna, qualche stella del cielo e un po’ di aiuti dalle nostre famiglie, decidemmo di cercare una casa a Palermo per creare qualcosa di nostro: il nostro progetto era un B&B anche se in primis ci spaventava l’idea di avere sempre a casa delle persone che non conoscevamo. Trovammo un appartamento a P.zza Politeama, la piazza principale di Palermo di fronte l’omonimo Teatro, in un palazzo anticamente appartenuto al Principe di Belmonte. Camere su diversi livelli, porte ed infissi verdi, un bel terrazzo dove preparare delle tipiche colazioni era quello che cercavamo. Decidemmo l’arredamento, ogni stanza con il proprio nome e colore, iniziammo la prassi burocratica e dopo qualche lavoretto interno ecco prendere forma il Libertà B&B (www.bedandbreakfastliberta.it). Iniziammo sin da subito a lavorare e da subito sparì il timore di avere sempre persone all’interno, anzi la casa senza gente proveniente da tutto il mondo ci appare vuota e fidatevi che non è retorica. All’ingresso del B&B abbiamo anche appeso un quadretto che rispecchia in pieno la nostra filosofia: “In questa casa si entra come ospiti e si esce come amici” e dopo 2 anni di attività è arrivata una delle prime soddisfazioni: il Certificato Eccellenza assegnato da Tripadvisor (vinto sia nel 2013 che nel 2014). Dopo 3 anni ci siamo sposati decidendo così di iniziare un nuovo percorso insieme. Quest’anno abbiamo anche deciso di fare qualche sacrificio in più, io di cambiare residenza e di aprire un’altra struttura sempre con lo stesso stile, sempre nella stessa zona e sempre con la stessa passione che è il nostro motore a 7 marce ed è nato così Lo Stupor Mundi ( www.bbstupormundi.it ) nome dedicato a chi ha fatto della nostra bella Palermo il centro culturale del mondo nel 1200: Federico II. Sicuramente nel raccontare la nostra storia avrei bisogno di un libro infinito anche perché la stiamo ancora scrivendo e se volete anche voi magari raccontarci la nostra siamo qui che vi aspettiamo pronti anche a darvi utili consigli per scoprire Palermo e la Sicilia e per farvi sentire a casa nonostante i km di distanza dalla vostra città.

9637198591_4c2572877b_k

foto di \/ /\ |_

Daniele – B&B Wild Sardinia, Carbonia-Iglesias.

Io amo viaggiare. Sono andato via di casa a 19 anni e da allora ho iniziato a lavorare nel settore del marketing, delle pubbliche relazioni e nel settore immobiliare. Spesso sia per lavoro che per cambiare aria, ho avuto la possibilità di visitare tante località in giro per il mondo. Fuori dai principali circuiti turistici internazionali standardizzati e stereotipati, ci sono tantissime realtà che permettono di assaporare, e conoscere da vicino la cultura e le bellezze del posto che si sta visitando. Tutto questo mi ha sempre profondamente appassionato ma per contro mi ha sempre dato una grande tristezza il fatto che il territorio in cui sono nato , il sulcis iglesiente, per quanto abbia delle bellezze naturalistiche di prim’ordine, sia sempre stato trascurato e disorganizzato. Per quanto la Sardegna sia molto conosciuta in particolare grazie alla Costa Smeralda, il sud ovest è sempre rimasto più in ombra. Ora, non nascondo che a me piace tantissimo la costa a nord est dove si affaccia la costa smeralda e ogni anno non vedo l’ora di trascorrerci del tempo. Ma il fascino il sud ovest ha tutt’un altro sapore. E’ tutto più vero, più rude, più blu, più verde, più intenso, più profondo, più naturale. In una parola, è tutto un po più selvaggio. E’ qui che, lontano dai riflettori e fuori dal circo mediatico del turismo “di punta”, si possono gustare ancora delle realtà territoriali lontane dagli standard internazionali che tendono a far diventare località distanti tra loro migliaia di chilometri, due fotocopie. Allora, volendo far leva sul far conoscere il lato “wild” della Sardegna e avendo a disposizione una casa nella parte centrale del sud ovest dell’isola è nato il progetto B&B Wild Sardinia. Per fare questo abbiamo deciso che il nostro motto fosse “We Think Different”, con l’obbiettivo di creare qualcosa di semplice ma che fosse originale e innovativo. Anzitutto volevamo creare un collegamento tra il cliente e il territorio e volevamo che rimanesse costante per tutta la durata della sua vacanza. Per questo motivo abbiamo progettato e realizzato su misura due camere da letto in legno assolutamente uniche. La Stanza del Villaggio, realizzata interamente in ginepro lavorato a mano, ammalia tutti coloro che la vedono con i suoi profumi, con le sue forme sinuose e con il suo colore che si integra perfettamente col bianco puro delle pareti, dei tendaggi ,dei baldacchini e della biancheria. La stanza del Capitano invece racchiude in se la passione per il mare, il calore dei legnami e la profondità del blu. Ma il solo arredamento non basta per far conoscere la località. Allora abbiamo deciso di affidare gite, escursioni e altre attività a aziende operanti nel settore sportivo e turistico, dalla comprovata competenza e professionalità, così da poter offrire al turista che vuole toccare con mano e vedere il territorio da un punto di vista più avventuroso, una grande libertà di scelta. Anche se la grandissima diffidenza e negatività che permea tutta la zona ci sta creando diversi problemi e talvolta portano a tempi di accordo con alcune aziende che diventano epici, stiamo per proporre dei pacchetti turistici con delle proposte assolutamente uniche per il territorio ma anche a livello regionale. Un’altra grande possibilità che ci è offerta dal territorio è data dal fatto che il B&B si trova un un grande comprensorio montuoso, conosciuto e apprezzato a livello internazionale dagli appassionati di climber. Anche in questo caso, grazie a dinamici e motivati professionisti del settore, siamo in grado di fornire supporto e informazioni dettagliate a tutti gli appassionati di questo sport. E stiamo lavorando a dei progetti per dare ancor più grande visibilità internazionale al climber in questa zona. Una delle nostre grandi passioni è l’archeologia e in Sardegna ci sono tante attrazioni archeologiche, quando quelle marine. Spesso sottovalutate o comunque poste in secondo piano, le attrazioni in particolare relative all’epoca nuragica, offrono tantissime opportunità sia di discussione che di visita ai siti, per lo più trascurati dalle istituzioni. Il nostro progetto è solo all’inizio. Non vogliamo diventare un portale turistico che promuove tutto e tutti. Noi abbiamo solo un piccolo B&B di due stanze con un totale di 6 posti letto. Ma vogliamo che per ognuno dei nostri clienti l’esperienza possa essere unica e indimenticabile. Vogliamo anche che il turista sia in grado di essere attirato e di gustare la sua vacanza già prima di arrivare. Siamo aperti a tutti coloro che vogliono collaborare e condividono il nostro modo di pensare e di vedere il turismo.

la foto in copertina è di Antonio Trogu su licenza CC