Qualche tempo fa vi avevamo parlato di una guida d’Islanda che, in realtà, non era una guida. Abbiamo avuto occasione di parlare con gli editori di quella “guida”, Humboldt Books. Tutto nasce  dalla voglia di creare una collana di libri di viaggio che fosse declinata da uno scrittore e da un fotografo – in assoluto non un’idea nuovissima, ci dice Chiara, durante la nostra chiacchierata – ma in Italia è qualcosa non veniva più fatta da tempo. Nascono così i primi titoli sull’Etiopia, sulla Grecia e sull’Islanda. La collana nasce con 6 titoli, ormai siamo quasi alla fine e non si sa ancora bene se ci sarà un’espansione o se effettivamente si chiuderà così. La scelta cade prima sull’autore del testo, il quale per interessi, passioni o motivi di studio sceglie un luogo; poi è la volta del fotografo che si aggrega al viaggio – che avverrà contestualmente – ma che non avrà un compito didascalico, farà anche lui il proprio viaggio senza curarsi di essere in qualche modo sincronizzato al testo. La fotografia quindi non è mai al servizio del racconto, così come il testo non sarà mai esplicativo dell’immagine. Cio che ne esce è un libro diviso in due parti nette, ma totalmente complementari. Oltre ai libri già citati su Etiopia, Grecia  e Islanda, sono di prossima uscita quelli su Stati Uniti e Caraibi.

books-1

Attorno ai libri di viaggio, ci sono piccole perle di libri d’artista. Anche in questo caso le storie non sono mai banali e la costruzione dell’oggetto libro non è da meno. Quello di Antonio Rovaldi, in bicicletta solitario intorno alla penisola, ci illustra una sorta di sguardo interno/esterno, dai confini verso l’orizzonte, in cui si susseguono cieli e mari, a volte piante, a volte costruzioni, che tutte insieme costruiscono un percorso che corre lungo tutta la penisola ( un’isola, la Sardegna). Un altro libro raccoglie la storia di un inaspettato culto importato nella provincia di Piacenza, che si scopre avere un legame remoto e fortissimo con Hailè Selassiè.

books-2

Humboldt books è una piccola casa editrice indipendente che ha puntato sul viaggio, sulla geografia e sull’antropologia, sulle spedizioni, su come si viaggiava un secolo fa e come si può viaggiare oggi. I titoli in catalogo, oltre ai dittici scrittore-fotografo, offrono riedizioni di libri mai pubblicati o ormai introvabili come quello di Alexander Von Humboldt (poteva esserci scelta migliore?) “Viaggio alle regioni equinoziali”.  Durante la chiacchierata con Chiara, le raccontiamo anche la nostra piccola avventura editoriale e di tutti gli errori commessi che forse avremmo evitato se ci fossimo incrociati prima. È stata una mattinata piacevole dove se avessimo avuto il tempo ci saremmo messi a leggere di Etiopia e Grecia uno dopo l’altro, ci saremmo soffermati sulle immagini del mare che si confonde con il cielo, avremmo sfogliato e letto avidamente ogni pagina azzurra dei racconti “acquosi” di Luca Trevisani. Anche se non l’abbiamo fatto subito, lo faremo prossimamente. Intanto vi suggeriamo di dare un’occhiata al loro sito, iscrivermi alla newsletter e di cercare i loro titoli in libreria. Ne vale la pena.

HUMBOLDT BOOKS
Via San Marco 33
20121 Milano
+39(0)26595898

Newsletter – invia un messaggio con oggetto “iscrivimi” a info@humboldtbooks.com