Ho visto la prima volta le foto di Sara sul suo profilo Instagram. Spesso era il momento in cui aspettavo il treno, sulla banchina da pendolare, che ogni giorno mi porta al lavoro. C’era una familiarità di sguardo che continuava ad attirare la mia attenzione. Non erano le assonanze dei paesaggi, non solo almeno, ma era la sensazione dello scorrere, lo stesso scorrere che sperimentavo quotidianamente. Ad un certo punto ho chiesto a Sara se aveva voglia di mettere insieme tutti questi sguardi, che chiamava Trenitalica. Così eccoci qui, cominciamo (sì perchè sarà una specie di serie…) da una neve che ormai si è sciolta, e dai dintorni di casa nostra.

 

Sara Angelini – Trenitalica