La scorsa settimana vi abbiamo raccontato di un fine settimana della capitale finlandese. Abbiamo trovato due giorni di sole, ma come spesso accade nei paesi nordici, il tempo può rapidamente volgere al peggio, e quindi è bene rinchiudersi da qualche parte, perchè le temperature possono davvero precipitare. Uno dei posti più belli dove ci si può rintanare è il Museo di Fotografia Finlandese  (per i parlanti ugro-finnico, ovviamente, sarebbe valokuvataiteenmuseo). Bello il museo, ma anche tutta la zona che raccoglie diverse gallerie, bar e spazi legati all’arte, ricavati da una ex fabbrica di cavi, ora completamente riconvertita. In occasione della festa della città, è stata inaugurata una mostra che celebra i 150 anni della nascita di I.K. Inha, un fotografo finlandese che si è girato in lungo e in largo il paese con una bicicletta e la sua macchina fotografica: a questo proposito, ci sembra opportuno ricordare che, a quell’epoca (gli anni a cavallo tra ‘800 e ‘900), le pellicole non erano altro che lastre di vetro grandi anche 20×25 cm! Le fotografie mostrano la città di Helsinki nell’estate del 1908, e sono tutte state fatte nelle prime ore del mattino o alla sera, ancora illuminata dal sole che non vuole tramontare. É affascinante vedere come sia cambiata per molti aspetti, e come invece sia rimasta uguale per molti altri. Le immagini mostrano la città in primo piano, protagonista assoluta, tenendo sullo sfondo scorci di vita quotidiana.

La mostra, inaugurata il 12.06, rimarrà aperta fino al 02.08.2015.

Museo di Fotografia Finlandese
The Cable Factory, Tallberginkatu 1 G, 00180 Helsinki.

Apertura: Mar-Dom 11-18, Mer 11-20, Lun chiuso.

Tutte le immagini sono state messe a disposizione come bene comune privo di copyright dal Museo Finlandese di Fotografia. Visitate il loro account Flickr.